L’indomabile verità

"Accetta C6 e la vita così come viene" questo in sintesi è il consiglio di alcune persone che mi hanno scritto o postato in risposta agl'ultimi argomenti trattati.
Mi spiace, ma non seguirò questo consiglio.
Tutta la mia vita fino ad ora è sempre stata la negazione di questo principio.
Certo, se avessi seguito questo principio avrei di certo avuto molti mal di pancia di meno e magari sarei stata più "felice".
Oggi avrei magari un compagno o un marito (ti invidio, cara ragazza che ha trovato il marito in chat, perché trovare qualcosa di buono in questo merdaio suona veramente incredibile)
Magari sarei una "rispettata" casalinga con pargoli al seguito e non la "fuori di testa" che sono, sempre con la valigia in mano (da settembre però si cambia!).
Però io ho la mia identità, io sono solamente io, scomoda, incazzosa, cattiva e crudele, ma sono io e come me non c'è nessun altra.
Questo allontana le persone da me? E chi se ne frega!
Perché, a conti fatti, solo le persone da niente, le nullità, i falliti, provano nei miei confronti tutta quella gamma di sentimenti che vanno dal fastidio all' odio, dalla rabbia alla commiserazione.
Sono così intenti a giudicarmi che non si rendono conto che di me non sanno niente se non che sono un essere umano che pensa con la propria testa e non con la testa di quelli che mi vorrebbero carina e scema, protesa ad essere una delle tante che mostra le gambe e il culo e che sta zitta e buona nel suo ruolo di bella statuina fino al naturale oblio.
Ed invece no, la vita mi può addolorare, ferire, ma non mi schiaccia e se vedo o sento qualcosa che non mi piace, qualcosa che fa schifo non mi volto dall'altra parte e faccio finta di niente protetta dagl'altri che hanno il medesimo vile atteggiamento.
Certo stare con me, parlare con me, non è facile e non è da tutti.
Io valgo molto e solo le persone che valgono possono ambire a conoscere e frequentare la vera lrigadab.
E per tutti gl'altri che continuano a cazzeggiare  per tutta la loro futura prossima esistenza che altro augurare se non un "buona fortuna!" sperando che vivano e muoiano senza mai conoscere come potevano essere e cosa si sono persi per sempre.
 

L’indomabile veritàultima modifica: 2005-07-31T08:34:17+02:00da lrigadab
Reposta per primo quest’articolo

14 pensieri su “L’indomabile verità

  1. Bhè solo due cosette, quello che dici lo trovo abbastanza condivisibile, anzi a tratti molto.
    Ma per certi versi ti trovo detestabile e anche se non sono proprio un gigante tra gli uomini, non credo di essere ne una persona da niente, ne una nullità ne un fallito.
    Ma che ci vuoi fare è così, mica è una colpa non sopportarsi, tra le altre cose neanche ti conosco, ho a mala pena commentato uno (con questo due) tuoi post.
    Come ho detto ad altri nella mia vita (non molti a dire il vero) mi stai cordialmente sulle balle, ma sopravviveremo tranquillamente lo stesso tutti e due!!

    Fabio F. (la volta scorsa mi sono dimenticato di firmarmi)

  2. Mi scuserai ma sono ancora una volta perplesso… Dici di non essere compiacente, di non accettare passivamente tutto cio` che ti viene proposto (qualita` che scarseggiano e quindi, dal mio punto di vista, molto ammirevoli) ma continui a frequentare C6. Ok, lo critichi aspramente ma alla fine lo accetti perche` sai bene che non puoi fare nulla per cambiarlo. Se fossi la dura che vuoi apparire lo avresti gia` disinstallato e allora mi sorge il dubbio che alla fine tutto questo non ti dispiaccia. Mah… io comunque ti rinnovo l’invito a frequentare una vera chat e non un messenger. Chissa`, potresti imbatterti in qualche conversazione piu` seria ed esserne favorevolmente colpita :-). Buona fortuna. mago69 (mi spiace ma non riuscivo a loggarmi)

  3. Il tuo punto di vista va rispettato come quello di chiunque altro, si può scegliere di lasciarsi vivere dalla vita o viverla sopportandone le conseguenze.

    Entrambe le cose sono degne di rispetto in quanto scelte insindacabili che ogni persona può fare, e non sta a me certo dire è giusto o sbagliato.

    Come tu liberamente decidi di non girar il viso dall’altra parte quando qualcosa non ti sta bene, altri liberamente decidono di fregarsene.

    Mi domando a questo punto: cosa fa migliore te o viceversa fa migliori gli altri?
    Nulla esattamente nulla, l’unica differenza è come uno intende viversi la vita, c’è chi si prodiga aiutando gli altri e chi invece li fotte.
    C’è chi decide di fare l’assistente alla domenica alla caritas e chi la domenica se ne sta a gozzovigliare sul divano davanti alla tv.

    Sono scelte ed ognuno ne fa una, conscio o meno delle conseguenze che la propria scelta può portare.

    Tu hai fatto una scelta, taluni possono criticarla e odiarti per ciò che fai o dici, ma tu sulla base di quanto dici vai avanti imperterrita per la tua strada; e questa è cosa degna di nota.

    Ciò che non mi piace del tuo modo di porti è quella sorta di arroganza, perdonami il termine, che talvolta MI PARE di leggere in quanto scrivi, non amo giudizi che di tanto in tanto scagli verso chi ti circonda e/o non la vede come te.

    Se tu vedi un’ingiustizia che fai? ti ribelli no? Io potrei fregarmene.
    In base a quale dogma religioso, morale o altro tu hai ragione e non io?
    Talvolta ci arrocchiamo sulle nostre visioni personali della vita, convinti di essere depositari del spaere universale e magari stiamo solo chiudendo gli occhi di fronte alle realtà.

    Mi domando in ultima analisi e mi ripeterò, se tu vai avanti dritta per la tua strada, se segui sempre e comunque le tue idee, se non accetti compromessi sui tuoi ideali, se credi fermamente che ognuno è libero di fare e disfare come meglio crede, per quale motivo contesti la visione della vita e le decisioni che altri prendono?

    Tu stessa scrivi: “Perché, a conti fatti, solo le persone da niente, le nullità, i falliti, provano nei miei confronti tutta quella gamma di sentimenti che vanno dal fastidio all’ odio, dalla rabbia alla commiserazione ”
    Ma quanti messaggi fino ad ora hai scritto con termini offensivi verso le persone che hai trovato in chat? Quanto tempo hai passato scrivendo i peggiori giudizi verso coloro che hanno provato a contattarti? Schernendoli per i modi o i termini, o il gergo usato?
    E parli di giudizi a te rivolti da gente che non conosci, e quelli che tu ti sei permessa di scrivere verso coloro che tu stessa non conosci?

    Secondo me dovresti far pace col cervello, la tua visione della vita a me piace, e lo dico serenamente. Dire le cose in faccia alla gente, criticare ciò che non ti sta bene, ti fa onore. E’ una scelta difficile da fare e quasi impossibile da portare avanti senza rimetterci.
    Quello che non condivido nel tuo modo di porti, e mai condividerò sono le critiche verso le persone di cui conosci solo poche scritte in chat.

    Termino chiarendo unasola cosa, quanto ho scritto sopra è la mia personalissima impressione basata su quello che ho letto nel tuo blog, non ti conosco e non ho mai avuto modo di parlare con te quindi probabilmente sono la persona meno titolata per giudiarti.
    Ho voluto solo esprimere un parere personale su quanto scritto da te.
    Se tu, in tutta sincerità, troverai le mie parole errate o la mia visione della vera irigadab falsata, ti porgo da subito le mie scuse.

  4. so già che leggendo gli altri tuoi “pensieri” si finisce sugli stessi toni sparando a zero a destra e a manca…mi da molto fastidio il tuo amaro sarcasmo (?), le tue certezze…semb ra quasi che tu sappia come stanno le cose nel mondo e che gli altri…poveri sfigati, falliti ..etc…non lo abbiano ancora capito…
    ora grazie a te abbiamo anche il guru della chat….

    p.s.
    per la chat puoi sempre utilizzare messenger cosi’ chatti solo con i tuoi amici…a meno che tu non voglia comunicare in qualche altro modo con noi essere inferiori tramite questo blog che è…ops….su C6..ancora sto C6!!!

    massimiliano, napoli

  5. guarda , sono capitato in questa finta discussione cercando di aggiornare sta merda di c6, e mi saltano fuori tipe in foto , schiaccio e me salti fuori tu , che guarda ho letto un po di roba qui in sto blog e non ho letto il tuo nome guardavo e sembravi figa , non so quanti anni hai , ma il discorso faccio tutto contro lo facevo anche io , che facevo il punk a 14anni e poi se ti dicono vai a scuola perche devi diventare tot lo fai , (io almeno li ho smesso quando avevo voglia) e poi ti ritrovi a fare parte del sistema contro cui lottavi , lavori???
    è un obbligo non dovresti farlo , guarda sono ubriaco non dare peso a quello che dico , non è grammaticalment e figo come quelli che incontro a te , che insulti la chat è ci sei dentro , prendono insulti e ti chiedono scusa…
    ma dove cazzo siamo , guarda cercherei di installare un discorso ,se non fossimo in questo merdaio di c6 , di blog ,almeno in diretta , o faccia a faccia , ho 25 anni non ho vissuto un cazzo ma ho capito che la vita a odiare te la rovini , anche se tante , anzi tantissime volte non puoi smettere , e lo so bene , tanto , (una stronzata:)se c’è berlusconi la e tu non ti volti e non fai finta di niente e lotti , mi spieghi cosa cazzo fai?? lo farei anche io…
    (stronzata:) il lavoro è un obbligo , e lavori sotto padrone e magari ti rompe pure i coglioni , cosa fai?? ti licenzi e ti mantiene qualcuno?? cambi lavoro , intanto ci sono una marea di posti fighissimi dove non fai un cazzo e ti pagano???
    guarda , ci sono tante cose in tele o in giro che mi fanno cagare , quando vedo un portaborse di uno di quei figli di puttana che si addormenteno e si picchiano in congresso che prende sui 7 mila euro mi schifo… e penso anche tu , dimmi cosa cazzo fai che lo faccio anche io .
    mi sono fatto prendere , ti saluto e saluto anche quegli sfigati che hanno cercato di dare affermazioni intelligenti a una che se ne fotte di voi e delle vostre cazzate , anzi , se ne fotte di tutto , spero che tu risponda al mio messaggio , dai poi esce a bere

    ste 79 novara

  6. da circa due mesi … sono cambiato. ora cambierò la mia vita, quella di tutti i giorni… quella che faccio da cinque anni, una lotta continua.
    5 anni con il fiato sospeso. ho deciso di RESPIRARE!
    fanculo …ecco ciò che da due mesi a questa parte mi riesce meglio da dire… vaffanculo! ma non cosi per dire… è un fanculo sentito .. .vero… nulla di personale… è la sintesi dei fallimenti… delle speranze deluse… delle energie impegnate e spesso sprecate.
    azzero il tabellone… tutte le palle a sinistra del pallottoliere.
    cambiare… non mi importa…anche se ho paura.
    razionale? sempre stato.. ora fatemi respirare fino a quando ne avrò voglia

  7. Ma fammi capire: ti senti per davvero una letterata? ogni tuo messaggio verte su di te, vuoi attenzione da tutti. Ti senti così sola?
    “Certo stare con me, parlare con me, non è facile e non è da tutti.”

    Questa poi la più grossa cazzata che si possa dire. Inutile dire che sei patetica, si confessa credendo di dire qualcosa agli altri, mentre lo stai dicendo solo a te stessa. Che non sei convinta di niente, un bel niente.

    Ripijate…

  8. Cara lrigadab, essere persone coerenti e vere in un mondo pieno
    di falsità è ingiustizie, e difficilisimmo, mettere in discussione
    l’opinione del , a volte significa alienarsi, ma credo sia
    la cosa migliore, perchè la differenza si puo’ fare, al di là di tutto e do Ogni pregiudizio, le perle devone distinguersi dal fango.

    giuseppe.

  9. certo che io l’ho sempre sostenuto che dovrebbe essere una donna a governare l’intero pianeta, ci sarebbe un enorme senso pratico in più che agevolerebbe qualsiasi relazione, e non una donna brutta ma una bella, anche se non intelligente ma bellissima, Dostoevskij fa dire al protagonista dell’ Idiota che la bellezza salverà il mondo. Tutto cio per dire che leggendo i post e relativi commenti, mi sono reso conto per l’ennesima volta che se si è belli e se ne ha la consapevolezza si ha un arma con cui affrontare le persone che ti circondano in maniera piu pratica, il tuo caso, io ti faccio i miei complimenti ma stai attenta a come usare quest’arma perche a volte si rischia, come sostiene Goya ” sostiene che quando contempliamo un oggetto bello, facendone un oggetto di attenzione continuata, il nostro finisce col divenire un atto distruttivo nei confronti dell’oggetto stesso..” ovviamente intendi oggeto come soggetto e il risultato non cambia.
    ciao
    daniel

Lascia un commento